Segui il mio blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per rimanere aggiornato sui post pubblicati su Linea di Confine. Riceverai via e-mail le notifiche.

cittadinanza digitale, collaborazione in rete, open source e tecnologia

CARO-LIBRI: il Codacons lancia sul web un iniziativa per scambiare o regalare libri di testo usati

rospo_book.gif

Con un’iniziativa destinata a far discutere il Codacons lancia sul web un’idea contro il caro-libri.

Attraverso lo spazio telematico, denominato LIBRI GRATIS studenti e cittadini potranno scambiare o regalare libri di testo usati.

Da LIBRI GRATIS:”Chiunque in tutta Italia possieda un testo scolastico e sia intenzionato a regalarlo o a scambiarlo con un altro libro, può accedere gratuitamente a questo servizio specificando il testo che si intende cedere (titolo, autore, edizione, ecc.), eventuali libri ricercati per scambio, e lasciando i propri riferimenti. in tal modo sarà possibile creare una rete dove i cittadini autonomamente potranno contattarsi e scambiare libri di testo, risparmiando notevolmente in vista del nuovo anno scolastico.

L’uso della rete per scambiare libri in sè non è una novità, già l’anno scorso se n’era parlato con l’articolo Librinprestito: quando la rete è usata come veicolo per valorizzare e condividere il meglio di noi e molte sono le iniziative analoghe in altri paesi del mondo.

Sarà interessante capire se l’idea di incentivare il regalo o lo scambio di libri di testo attraverso il web avrà successo tra le famiglie italiane, visti i rincari dell’ultimo anno, e se le case editrici e la politica incideranno sulla buona riuscita o meno dell’iniziativa.

Per saperne di piu’:
LIBRIGRATIS
Comunicato stampa
Libri di testo sempre più cari
BookCrossing

Enrico Alletto

Lavoro in una multinazionale delle telecomunicazioni. Negli anni ho progettato e coordinato diverse iniziative pro bono con associazioni e pubbliche amministrazioni municipali, comunali e regionali sui temi della partecipazione e dell'alfabetizzazione digitale. Contribuisco ai tavoli dell'open government italiano su temi come cittadinanza digitale, partecipazione ed open data. Il contatto diretto è quello che preferisco soprattutto quando si tratta di divulgazione e formazione digitale. Faccio il tifo per una pubblica amministrazione più moderna e vicina ai cittadini! Non mi piacciono i toni aspri e le conversazioni online che non rispettano l’interlocutore.

1 commento

  1. Liliana

    2nd Ott 2008 - 08:08

    Nella scuola dei miei figli se vuoi la lista dei libri dei pagare 50 centesimi per avere una fotocopia. Oltre al danno (libri cari) anche la beffa. Un po’ di informatizzazione anche per queste piccole cose credo proprio che non guasterebbe. Liliana

Rispondi

I miei Social Network

Archivio del blog

×