Segui il mio blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per rimanere aggiornato sui post pubblicati su Linea di Confine. Riceverai via e-mail le notifiche.

cittadinanza digitale, collaborazione in rete, open source e tecnologia

Il mio uso consapevole della rete

Mi collego al sito del mio quotidiano, un banner pubblicitario mi fa l’occhiolino ed è proprio l’auto che mi piace, entro nel sito e scopro l’offerta, ritorno al sito del giornale, mentre leggo le notizie principali arriva una mail, un amico m’informa di un film appena uscito, cerco la programmazione nella mia città e rispondo alla mail.

Vado su un sito commerciale di mia fiducia ed acquisto un profumo, oppure guardo più siti e confronto le offerte decidendo in seguito. Pensando alle prossime vacanze, prima di prenotare voli e alberghi, decido di leggere le esperienze di chi c’è già stato o partecipo ad un forum qualificato per un confronto diretto…

Vedo la rete come il mondo dove vivo, con il bene e il male che posso trovare ed eludere, solo la velocità e la molteplicità delle informazioni possono a volte trarre in inganno. E’ come andare all’estero e non capire l’attendibilità della persona con cui si sta parlando, è sconosciuto il tono della voce, le espressioni e il modo di vestire, tutti i riferimenti sono ignoti. In verità non è facile mai, ma senza analogie alla nostra realtà è più complicato. Anche sul web, come in un paese straniero, abbiamo bisogno di riferimenti per verificare le informazioni.

In un motore di ricerca quando voglio rintracciare degli argomenti, non guardo i titoli dei siti, ma l’indirizzo internet che appare sotto ogni titolo, se per esempio il sito è governativo o di una casa madre di un prodotto commerciale ritengo l’informazione maggiormente attendibile.

Per gli acquisti on line uso una carta di credito pre-pagata, ma prima di accettare le condizioni del sito leggo con molta attenzione la normativa e le clausole pubblicate, non sono sempre uguali. In ogni caso, come per delle spese insolite, m’informo sempre tra i miei conoscenti quali siti utilizzano per gli acquisti. A volte è possibile pagare in contrassegno.

Per me, uso consapevole della rete vuol dire distinguere una passeggiata “virtuale” per vari siti da una comunicazione “reale” con il proprio conto corrente o con un amico anche sconosciuto…

Enrico Alletto

Lavoro in una multinazionale delle telecomunicazioni. Negli anni ho progettato e coordinato diverse iniziative pro bono con associazioni e pubbliche amministrazioni municipali, comunali e regionali sui temi della partecipazione e dell'alfabetizzazione digitale. Contribuisco ai tavoli dell'open government italiano su temi come cittadinanza digitale, partecipazione ed open data. Il contatto diretto è quello che preferisco soprattutto quando si tratta di divulgazione e formazione digitale. Faccio il tifo per una pubblica amministrazione più moderna e vicina ai cittadini! Non mi piacciono i toni aspri e le conversazioni online che non rispettano l’interlocutore.

1 commento

  1. Giulio

    7th Nov 2007 - 12:12

    Sarei felice se anche i manuali fossero sempre scritti con un linguaggio cosi fluido e chiaro, dove tutto risulta semplice e intuitivo, sarà brava ed esperta Daniela o sono io il pirla che si è fatto clonare la carta di credito?

Rispondi

I miei Social Network

Archivio del blog

×