Segui il mio blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per rimanere aggiornato sui post pubblicati su Linea di Confine. Riceverai via e-mail le notifiche.

cittadinanza digitale, collaborazione in rete, open source e tecnologia

Papà porta la famiglia alla Città dei Bambini di Genova (con una piccola nota stonata alla fine della gita)

Con mia moglie è un pò di tempo che ci chiediamo dove portare il nostro piccolo Andrea di 18 mesi per non stare sempre in casa sopratutto adesso che andiamo incontro all’inverno e ville e parchi saranno presto da scartare. Non capita spesso di essere ai primi di Gennaio e ritrovarsi con una giornata quasi primaverile. Fortunatamente è successo oggi a Genova così abbiamo deciso di andare tutti insieme alla Città dei Bambini.

Devo dire che siamo rimasti piacevolmente stupiti sia per la cortesia del personale, sia per l’allestimento degli spazi divisi essenzialmente in tre categorie: Spazio 2-3 anni, Spazio, 3-5 e Spazio 6-12 e tutti ricchi di stimoli e giochi interessanti. Moquette colorata ed ambienti grandi su cui muoversi. Vedi link La visita. Andrea è più piccolo degli standard previsti dagli spazi, ma il boschetto 2-3 anni con tana, grotta, anfratto e fiume, passaggi sopra-sotto, casetta costruita con i tronchi d’albero, prato e rocce ha fatto divertire lui ed anche mamma e papà. 🙂

Alla fine del giro siamo andati a mangiare da Bicù, un bel locale situato proprio dentro all’Expo vicino alla Città dei Bambini. Raffinato ed elegante al Bicù si mangia bene ed hanno anche tanti bei seggioloni su cui abbiamo potuto accomodare il nostro piccino e goderci il pranzo.

Dopo la pappa una bella passeggiata all’Expo con Andrea su triciclo. La giornata come detto era proprio primaverile ed il giro è stato molto piacevole.

Verso le 15 ci avviamo verso la macchina ed ecco l’unica nota dolente della giornata: il costo del posteggio. Siamo arrivati alle 11.03 e circa alle 15 stavamo pagando 7, 20 euro. Accidenti! E dire che l’‘ingresso alla Città dei Bambini non è caro e comunque vale i soldi spesi.

Ma non si potrebbe fare una convenzione come quella del cinema per cui se vai alla Città dei Bambini il posteggio lo paghi a forfait? Altrimenti  parco giochi + mangiare + posteggio + varie ed eventuali andare con la famigliola a farsi un giro in un bel posto della nostra città rischia di trasformarsi in un lusso difficile da ripetere con una certa frequenza! 🙁

Concludo con una domanda: oltre alla Città dei Bambini, dove si potrebbero portare i nostri cuccioli quando l’inverno si farà veramente sentire? Si accettano consigli e suggerimenti. 🙂

Enrico Alletto

Lavoro in una multinazionale delle telecomunicazioni. Negli anni ho progettato e coordinato diverse iniziative pro bono con associazioni e pubbliche amministrazioni municipali, comunali e regionali sui temi della partecipazione e dell'alfabetizzazione digitale. Contribuisco ai tavoli dell'open government italiano su temi come cittadinanza digitale, partecipazione ed open data. Il contatto diretto è quello che preferisco soprattutto quando si tratta di divulgazione e formazione digitale. Faccio il tifo per una pubblica amministrazione più moderna e vicina ai cittadini! Non mi piacciono i toni aspri e le conversazioni online che non rispettano l’interlocutore.

1 commento

  1. Pommereinette

    4th Feb 2012 - 20:33

    Ciao noi ad esempio ogni volta che piove o che fa un po’ freddino ma che voglio uscire un po’ di casa e magari incontrare altri amici con bambini, andiamo alla biblioteca De Amicis, proprio il piano sopra alla Città dei Bambini.
    C’è uno spazio morbido molto grande con una bellissima vista dove i bambini possono giocare, gattonare o scegliersi e leggersi i libri.
    É molto piacevole e nel bagno c’è il fasciatoio.
    Alcune volte organizzano anche dei laboratori.
    Anche al castello de Albertis a volte fanno dei laboratori
    Bisogna tenere d’occhio la newsletter di Mentelocale oppure il sito Gevona — ciao ciao

Rispondi

I miei Social Network

Archivio del blog

×