Il documento progettuale coperto da Creative Commons è reperibile su Scribd mentre su Slideshare si può consultare molto materiale di archivio.

Il progetto nasce quando nel 2008 vengo contattato da un membro del Distretto di Economia Solidale del Ponente Ligure che leggendo alcuni miei post mi propose subito ad una collaborazione.

L’idea di costruire un Social Network che mettesse in relazione i vari soggetti del sistema è di quelle che in Liguria mancano proprio almeno nel 2008. In seguito il mio primo contatto lascio il Distretto di Economia Solidale ed il progetto vero e proprio fu scritto da me e dall’agente di sviluppo locale Danilo Castagnetti con cui s’intaura un bel rapporto di amicizia e di reciproca stima.

Visione: Lo sviluppo del territorio, quando programmato, è spesso frutto di iniziative scollegate tra loro con una visione a breve termine. I cittadini, le associazioni, i gruppi organizzati, che dovrebbero essere interpellati, secondo le direttive dell’ UE, spesso hanno difficoltà a dialogare con la pubblica amministrazione e sono lasciati al margine delle decisioni. Reti Glocali nasce per favorire e valorizzare il costituirsi di nuove reti e sistemi aperti in cui concetti come: reciprocità, condivisione, trasparenza, partecipazione, accesso libero alla rete, innovazione collaborativa, talento collettivo, sostenibilità e responsabilità sono principi fondamentali.

Missione: RETI GLOCALI è una piattaforma web orientata alla creazione di un sistema aperto per lo sviluppo e la diffusione di idee innovative e sostenibili, buone pratiche con le seguenti finalità:

  1. far conoscere la propria idea/progetto, cercare nuove alleanze, trovare consigli ed eventuali risorse economiche;
  2. valorizzare le diverse identità presenti sul territorio;
  3. promuovere e diffondere l’uso consapevole e costruttivo della Rete Internet e dei Social Network.

Il sistema è governato con poche regole chiare e condivise al momento dell’iscrizione e coordinato in modo leggero dal gruppo di lavoro che supporta l’utenza nelle varie fasi di utilizzo.

Ambiti: economia solidale, business sociale, energie rinnovabili, design sostenibile e bio-architettura, democrazia partecipata, mobilità sostenibile, turismo responsabile, open source, investimenti etici, cultura e tradizioni locali, ambiente e territorio, intercultura, arte.

Strumenti tecnici: forum, wiki, newsletter, blog, strumenti di ricerca integrati nel sistema, forniti con supporto all’utenza.