Privacy Archive

THE AZUNI CODE: voluta dal Ministro Brunetta parte un’iniziativa con lo scopo di costruire una governance di Internet credibile e partecipata

L’ultima volta che ho parlato di Internet in relazione alle istituzioni l’ho fatto non esattamente in modo pacato, prendendomela con l’ormai famoso comma 29 che obbligava TUTTI I SITI INTERNET (”siti Internet” senza specificare) a pubblicare rettifiche a post/commenti/altro ENTRO 48 ore dalla loro pubblicazione online, pena sanzione fino a 12.500 euro Per vari motivi

“Social network: attenzione agli effetti collaterali” – dal sito del Garante per la Privacy una guida ed un opuscolo informativo

Facebook & Co. Come tutelare la propria privacy ai tempi di Facebook, MySpace & Co.? Come difendere la propria reputazione, l’ambiente di lavoro, gli amici, la famiglia, da spiacevoli inconvenienti che potrebbero essere causati da un utilizzo incauto o improprio degli strumenti offerti dalle reti sociali? Sono queste alcune delle domande a cui risponde la

Privacy e “ricchezza” in rete: il fondatore di Facebook ha dichiarato come trarrà profitto dai dati personali dei suoi 150 milioni di utenti

Davanti alla platea del Forum economico mondiale di Davos Mark Zuckerberg ha mostrato come permetterà alle aziende di condurre ricerche mirate su gruppi specifici di persone. Per esempio: “Ha chiesto agli utenti di Israele e Palestina come si potrebbe arrivare alla pace nella regione mediorientale. Poi ha domandato a centomila utenti americani se erano soddisfatti