Segui il mio blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per rimanere aggiornato sui post pubblicati su Linea di Confine. Riceverai via e-mail le notifiche.

cittadinanza digitale, collaborazione in rete, open source e tecnologia

Testimonianze: tirando le somme sulla mia esperienza in rete …

Riporto di seguito la bella testimonianza di Anna Maria, lavoratrice, mamma e navigatrice attenta del web, sulla sua esperienza con la rete internet.

Creare uno spazio per confrontarsi su un argomento che non ha confini, come la tecnologia nella famiglia moderna, credo aiuti ad accomunare uno spirito critico e vigile nei confronti della rete.

Internet mi ha dato tanto, rischiavo di isolarmi dopo un’esperienza difficile, non avevo più nessuno attorno a me, e quindi mi ha dato modo di uscire dal mio guscio e conoscere persone, scambiare opinioni e punti di vista. Anch’io, come alcuni, lo considero un mezzo, ma l’ho sempre tenuto ad una distanza di sicurezza da me, nel senso che internet non è tutto, non è la tua vita, non è la risposta ai tuoi problemi, non è la risposta alla mancanza di contatti, non è la risposta alla mancanza di affermazione di se stessi nella vita sociale. E’ un mezzo che accomuna che crea contatti e da modo di conoscere persone e pensieri che altrimenti non si sarebbero mai conosciuti, accorcia distanze.

Certo, se ne trova di spazzatura, così come se ne trova ormai sui giornali e in tv, bisognerebbe quindi aumentare lo spirito critico nei confronti di tutto e fare una cernita delle informazioni e dei contatti, per non avere brutte sorprese, bisogna essere sempre attenti.

Mia figlia ha 11 anni, internet non le interessa ancora, e io per questo non dispero, anzi… sono contenta e non la forzo. Ci sono amici della sua età che ormai chattano, giocano con internet, scambiano file e foto, e io spero che lei lo faccia il più tardi possibile. E che comunque lo usi solo per trovare le risposte alle sue ricerche scolastiche.

Spero solo che quando inizierà a ricercare i suoi contatti sul web sia pronta ad avere quello spirito critico e diffidenza che ti porta ad avvicinarti con sicurezza verso questo mezzo. Da parte mia mi chiedo se riuscirò ad imparare ad essere sempre comunque presente anche a distanza di sicurezza nei suoi contatti.

Qualcuno diceva, che nella vita di tutti i giorni si controllava nel parlare e negli atteggiamenti con la gente che aveva attorno realmente e che sulla rete non intendeva farlo, io credo invece che la rete è fatta di persone reali che sono dietro ad uno schermo e che comunque la correttezza ed il rispetto devono continuare ad esserci, anche su internet. Fondamentalmente non si può essere due persone diverse fuori e nella rete, almeno per come sono fatta io, ma immagino che questa non è una regola che seguono tutti.

Tirando le somme, fino ad ora, direi che la mia esperienza in rete è positiva, soprattutto perchè ne faccio un uso parsimonioso. : - )


Se anche tu desideri inviare un contributo puoi farlo compilando il modulo elettronico oppure scrivendo un mail all’indirizzo info@enricoalletto.it.

Enrico Alletto

Lavoro in una multinazionale delle telecomunicazioni. Negli anni ho progettato e coordinato diverse iniziative pro bono con associazioni e pubbliche amministrazioni municipali, comunali e regionali sui temi della partecipazione e dell'alfabetizzazione digitale. Contribuisco ai tavoli dell'open government italiano su temi come cittadinanza digitale, partecipazione ed open data. Il contatto diretto è quello che preferisco soprattutto quando si tratta di divulgazione e formazione digitale. Faccio il tifo per una pubblica amministrazione più moderna e vicina ai cittadini! Non mi piacciono i toni aspri e le conversazioni online che non rispettano l’interlocutore.

Rispondi

I miei Social Network

Archivio del blog

×